Audizione in Commissione Bilancio: «Regna la confusione»

| 0 commenti

 

Audizione in Commissione Bilancio sul decreto MilleProroghe questo pomeriggio a Roma per una ventina di sindaci dell’ANCI: tra questi, anche il primo cittadino di Belluno, Jacopo Massaro.
«Regna ancora una grandissima confusione: – il commento all’uscita dall’incontro – anche tra i deputati, soprattutto di maggioranza, molti non conoscono gli aspetti e i funzionamenti del bando periferie. Si è fatta confusione tra spese correnti e spese di investimento, o gli avanzi di amministrazione con le risorse dello Stato».
L’obbiettivo dei sindaci ora è quello di spiegare ai singoli deputati l’obbiettivo, il meccanismo e i rischi legati al bando periferie: «Con i parlamentari con cui siamo riusciti a parlare e ad affrontare approfonditamente l’argomento, siamo già riusciti ad arrivare ad un cambio di posizione. – spiega Massaro – Ora tutti noi sindaci dobbiamo lavorare affinchè i nostri deputati abbiano chiaro fino in fondo il quadro della situazione».
Il problema non è solamente politico, vista la trasversalità della delegazione ANCI presente a Roma, ma amministrativo e finanziario: «Il presidente di ANCI, Antonio Decaro, ha ben spiegato i problemi che derivano dal congelamento di fondi a posteriori, dopo che questi sono già stati spesi in larga parte dai comuni. – spiega Massaro – Si è sottolineata poi la responsabilità erariale di chi dovesse sostenere l’approvazione di questo congelamento».
Per quanto riguarda la questione politica, «si è evidenziato come si blocchino 3 miliardi di euro di investimenti per risparmiarne uno, col rischio di perderli definitivamente con l’abbandono dei progetti da parte dei partner. – continua il primo cittadino – È poi inconcepibile che lo Stato congeli risorse proprie per autorizzare i Comuni a spendere soldi che hanno già: i comuni potrebbero spendere solo il 2,5-3% del loro avanzo, quindi Belluno perderebbe 35 milioni di euro di opere per avere dallo Stato l’autorizzazione a spendere 50mila euro. Non va dimenticato, poi, che i comuni assegnatari del bando periferie non hanno potuto partecipare ad altri bandi nazionali: come risarcire questo danno? I progetti di rigenerazione, infine, si occupavano anche di ponti, scuole, infrastrutture, ed ora il Governo vuole bloccare questi interventi mentre continua a parlare della necessità e dell’urgenza degli interventi su queste strutture».
L’obbiettivo quindi, da qui al prossimo passaggio in aula, è «informare correttamente i deputati sulla reale portata del fenomeno, affinchè cambino questa decisione, non solo per il bene delle nostre città, ma di tutte le comunità e di tutti i cittadini».

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.