Sostegno ad associazioni e scuole. Deliberati quasi 250mila euro di contibuti

| 0 commenti

Ammontano a quasi 250mila euro i contributi deliberati dal Comune di Belluno per le attività sostenute dalle associazioni e dalle scuole statli e FISM nel corso del 2018.
«In un anno che ci ha visti impegnati con l’emergenza alluvione, – commenta il Sindaco, Jacopo Massaro – siamo riusciti a mantenere gli impegni con le associazioni di volontariato e con quelle “istituzionali”, assicurando allo stesso tempo il sostegno alle scuole e, non meno importanti, agevolando iniziative e manifestazioni con benefici non economici, come palchi, sedie e concessione gratuita delle sale».

I contributi a associazioni e scuole
Ammontano a circa 45mila euro i contributi assegnati dalla Giunta alle associazioni di volontariato, così ripartiti: Associazione Amici del Nevegal, 140 euro; ASD Paracadutismo Belluno, 4000 euro; Associazione Martina Bonavera, 1500 euro; Associazione G.S. Ricreativo Cirvoi, 500 euro; Comitato genitori Scuola primaria Quartier Cadore, 750 euro; TIB Teatro Belluno SCS Onlus, 1000 euro; Pro Loco Pieve Castionese, 1450 euro; A.S.D. Juventus Alpina, 1500 euro; AISM Seziona provinciale di Belluno, 3000 euro; A.N.A. Gruppo Castionese, 360 euro; Associazione culturale Tina Merlin, 1000 euro; ASD Nevegallika, 1700 euro; Comitato d’intesa, 1000 euro; Associazione dilettantistica Alpina Calcio, 1500 euro; Associazione Bellunesi nel mondo, 1000 euro; Associazione Amici della bicicletta, 530 euro; Comitato Croce Rossa Italiana, 1500 euro; AICS – Comitato Provinciale di Belluno, 3000 euro; Istituto comprensivo Belluno 3, 1000 euro; APACA Onlus, 720 euro; Slowmachine, 1000 euro; Centro Sportivo Italiano, 1000 euro; Coro Minimo Bellunese, 230 euro; Tiro a segno nazionale – Sezione di Belluno, 500 euro; CAI – Sezione di Belluno, 1320 euro; ASD Bocce Belluno, 750 euro; Dolomiti Symphonia, 500 euro; Istituto Bellunese Ricerche Sociali e Culturali, 500 euro; Società Dante Alighieri, 500 euro; UNIVOC – Unione Nazionale Italiana Volontari pro Ciechi, 500 euro; Associazione Volontari Ospedalieri, 600 euro; Associazione Antenna Anziani, 3000 euro; AITSAM – Associazione Italiana Tutela Salute Mentale, 400 euro; Italia Nostra Onlus – Sezione di Belluno, 300 euro; Centro Studi Vocali Nova Cantica, 250 euro; Comitato frazionale per la gestione dei beni di uso civico, 3500 euro; Associazione Amici delle Scuole in Rete, 1000 euro; Università popolare della terza età, 1000 euro; Associazione Voice Care Music & Art, 1000 euro.
«Oltre a tutti questi, – aggiunge Massaro – abbiamo voluto assegnare anche un contributo di 5mila euro per ognuna delle associazioni “istituzionali” impegnate sul nostro territorio, vale a dire l’Istituto Storico Bellunese Della Resistenza E Dell’Eta’ Contemporanea, la Fondazione Angelini e il Circolo Culturale Bellunese».
140mila euro sono stati poi destinati alle scuole del capoluogo: 43mila sono andati alle scuole statali, mentre 95mila alle scuole FISM – Federazione Italiana Scuole Materne.

Benefici non economici
Oltre al contributo diretto, grande è stato l’impegno del Comune nel fornire servizi e materiali per lo svolgimento delle manifestazioni: «Nel 2018, abbiamo fornito palchi, sedie, uso di sale e spazi, transenne, fornitura di energia elettrica per un valore di circa 40mila euro. – sottolinea Massaro – Sono contributi forse meno visibili di quelli economici, ma che spesso si rivelano fondamentali per agevolare lo svolgimento delle attività delle associazioni».

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.