Mercoledì la Festa delle Polizie Locali Trivenete: «Contrasto al vandalismo, alle assicurazione scadute e ampliamento degli orari di controllo»

| 0 commenti

Si terrà mercoledì mattina a Belluno la Festa delle Polizie Locali del Triveneto, che torna nel capoluogo a distanza di 8 anni, dopo l’edizione del 2011. Sono già circa 300 le persone tra rappresentanti delle istituzioni, sindaci, comandanti e agenti che hanno assicurato la loro presenza; la presentazione dell’evento è stata anche l’occasione per presentare dati e obbiettivi della Polizia Locale di Belluno per il nuovo anno.

Dati dell’attività 2018
«Nel corso dello scorso anno, abbiamo incrementato di un terzo i controlli nei vari ambiti, – ha spiegato il comandante, Gustavo Dalla Ca’ – da quelli in strada a quelli ambientali, fino a quelli anagrafici o nel commercio».
40 le sanzioni elevate in materia ambientale, a fronte di 70 sopralluoghi in aree in stato di degrado e 50 per abbandono rifiuti; 70 gli incidenti stradali rilevati, con 51 feriti, 4 indagati e 8 patenti ritirate.
Oltre 1000 le sanzioni per eccesso di velocità, 94 per revisione scaduta e 4 per tasso alcolemico oltre il limite; bellunesi più rispettosi rispetto al 2017 per la scorretta occupazione degli stalli per disabili, mentre sono in aumento le sanzioni per la sosta (circa 6300) e per assicurazione scaduta: «Abbiamo fatto 26 sanzioni per mancata copertura assicurativa e circa 70 per uso di cellulare alla guida», spiega Dalla Ca’.
Stabili gli introiti da sanzioni, circa 750mila euro; poco meno del 20% sono stati oggetti di ricorso, per la maggior parte vinti dal Comune, e bassissima la percentuale di insoluti, il 13%, a fronte di realtà che superano il 60%: «Nonostante questo, però, dovremo bloccare circa 500mila euro per il fondo crediti di dubbia esigibilità; – spiega il Sindaco, Jacopo Massaro – tutto questo è inspiegabile: siamo un comune e cittadini virtuosi, ma veniamo ugualmente penalizzati».

Priorità e obbiettivi del 2019
«Le priorità del 2019 saranno il controllo delle assicurazioni scadute, un problema nazionale che è anche un problema sociale, e il contrasto all’uso del cellulare alla guida», anticipa Dalla Ca’.
«Continueremo a sfruttare con successo il nostro impianto di videosorveglianza, che ha portato buoni successi nel lavoro di tutte le forze dell’ordine. – aggiunge Massaro – Ci sarà utile per continuare la lotta al vandalismo, per la quale stiamo pensando anche al prolungamento delle fasce orario di controllo da parte dei nostri agenti, posticipando l’orario di fine turno dalle 19.15 alle 22.00».
Dalla Ca’ ha poi sollecitato la necessità di rivedere la legge nazionale sulle polizie locali, che al momento non consente l’accesso a tutti i mezzi e database in dotazione alle altre forze dell’ordine.

Il programma della festa
La legislazione e l’attività degli agenti nel Triveneto saranno solo alcuni dei temi affrontati nell’evento di mercoledì: alle 10.30, la Santa Messa in Duomo; da lì, dalle 11.15 il corteo con i gonfaloni dei comuni attraverserà la città per arrivare al Teatro Comunale, dove alle 11.30 inizierà la cerimonia civile, con i saluti istituzionali, la presentazione dei dati e la premiazione degli agenti meritevoli di encomio. Tra i bellunesi, anche due inviti speciali: «Ho chiesto alla protezione civile di partecipare, per poterli ringraziare per il lavoro svolto in occasione dell’alluvione di fine ottobre. – annuncia Dalla Ca’ – Inoltre, saranno presenti anche i “nonni vigile”, che si rendono sempre disponibili a supportare il nostro comando anche in occasione delle numerose manifestazioni organizzare sul territorio».

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.