Sentenza del Tar sulla sala slot alla Veneggia: «Sportelli bancomat “non luoghi sensibili”. La Regione intervenga»

| 0 commenti

Gli sportelli bancomat non figurano tra i “luoghi sensibili” inseriti nella legge regionale, e per questo i comuni non possono vietare l’apertura di sale slot nelle loro vicinanze: questa, in sintesi, la motivazione della sentenza del Tar Veneto che ha consentito l’apertura della sala slot alla Veneggia, nonostante il regolamento comunale.
«Secondo questa sentenza, – spiega il Sindaco di Belluno, Jacopo Massaro – il Comune non può allargare il bacino dei “luoghi sensibili”, nonostante il Servizio Dipendenze della ULSS 1 Dolomiti indichi anche nella vicinanza tra sportelli bancomat e sale da gioco un potenziale rischio. Chiediamo quindi che la Regione Veneto porti al più presto in consiglio regionale una modifica alla legge, introducendo anche queste strutture tra i luoghi sensibili, insieme alle scuole, chiese, strutture sanitarie e altri luoghi di aggregazione. Il Tar, con questa sentenza, indica una lacuna normativa che deve essere sanata al più presto. Ricordo che qui non si parla delle modalità di pagamento, possibili anche tramite POS all’interno delle sale, ma della possibilità per le persone deboli di “cadere in tentazione”, allontanandosi dallo sportello con i contanti in mano e potendo vedere nelle vicinanze una sala da gioco: è purtroppo un fatto frequente, segnalatoci anche dall’azienda sanitaria».
«Dal canto nostro, – aggiunge Massaro – nei prossimi giorni leggeremo con attenzione la sentenza e valuteremo se presentare ricorso al Consiglio di Stato, evenienza estremamente probabile. Inoltre, già nella prossima riunione di giunta studieremo quali azioni intraprendere per tutelare la salute pubblica, visto che questa sentenza indebolisce quella difesa della salute pubblica che il consiglio comunale aveva voluto tutelare all’unanimità nel marzo 2017».

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.