Presentati i nuovi assessori: De Biasi al personale, d’Emilia al turismo

| 0 commenti

Ufficializzati questa mattina i nuovi nomi della giunta Massaro e la ridistribuzione interna di alcune deleghe.
Al turismo e alle manifestazioni entra Yuki d’Emilia, 24 anni, laureata a Bolzano nel corso trilingue in Economia e Scienze Sociali – Politics, Philosophy & Economics con una tesi sugli effetti del riscaldamento globale sul turismo nelle Dolomiti, attualmente laureanda nella Laurea Magistrale in Management della Sostenibilità e del Turismo a Trento e ricercatrice del Progetto Piave al Centro Internazionale di Studi sull’Economia Turistica – CISET; al suo attivo anche alcuni tirocini presso la Fondazione Dolomiti Unesco di Cortina e l’EURAC di Bolzano.
La delega al personale va in carico a Francesca De Biasi, oggi consigliere comunale per la lista In Movimento e consigliere provinciale.Nella ridistribuzione delle deleghe, Lucia Pellegrini “cede” il personale a De Biasi e viene incaricata delle politiche sociali e delle pari opportunità; su Biagio Giannone vengono concentrate tutte le opere pubbliche, mentre passa la delega alle politiche energetiche alla collega Stefania Ganz. Marco Bogo, dopo il passaggio della competenza sulle manifestazioni a d’Emilia, acquisisce la delega ai servizi informatici dall’uscente Maurizio Busatta.
«Continua il nostro progetto basato sulla meritocrazia e sull’allargamento generazionale. – commenta il Sindaco, Jacopo Massaro – De Biasi ha dimostrato le sua capacità in consiglio comunale e provinciale, oltre che come presidente della Terza Commissione comunale, mentre d’Emilia ha condotto e sta conducendo un percorso formativo e occupazionale che coincide con la nostra visione di turismo coniugato con la qualità della vita. Ringrazio gli assessori uscenti: Maurizio Busatta, un uomo dall’alto profilo tecnico, ma soprattutto umano, che ci ha affiancato e sostenuto, e Valentina Tomasi, entrata anche lei come d’Emilia giovanissima e alla prima esperienza amministrativa e poi diventata un punto di riferimento per le politiche sociali locali e nazionali».
«Capisco le prese di posizione delle opposizioni, – conclude Massaro – ma noi abbiamo una visione diversa dell’amministrare: c’è chi pensa che “squadra che vince non si cambia” e così si resta fermi con le stesse persone per anni, ma noi non cambiamo la squadra, semplicemente i nostri “giocatori” cambiano ruolo, restando fedeli al progetto. Noi vogliamo far crescere degli amministratori che, anche una volta usciti, continuino ad impegnarsi per la città, anche da liberi cittadini, e ne sono esempio gli assessori che si sono avvicendati in questi anni e che continuano a lavorare dall’esterno. I risultati di questa politica si sono visti, con la crescita di numerosi indicatori qualitativi della città, e credo sia una filosofia apprezzata anche dai cittadini, che due anni fa hanno riconfermato la fiducia a questa amministrazione e al suo progetto».

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.