“Non facciamo propaganda, tutti siamo per le Gabelli” (lettera dell’Ass. Martire sul Corriere delle Alpi del 19/11/2011).

| 1 commento

“Non facciamo propaganda, tutti siamo per le Gabelli” (pag 13 del Corriere delle Alpi del 19/11/2011).

Non capisco se il consigliere Massaro c’è o ci fa. Ancora una volta, usando il patto di stabilità come argomento a giustificazione delle sue affermazioni (ancora una volta, basta!), dimostra di non conoscere la materia di cui parla. Dovrebbe chiarirsi le idee, perché nei giorni pari si lamenta che non si fanno opere per colpa del patto di stabilità, mentre nei giorni dispari inneggia al patto di stabilità che non consente di fare le opere. Cosa preferisce: opere o patto di stabilità? In attesa che si decida, devo smentire nel modo più categorico quello che va affermando in questi giorni, perché dimostra di non conoscere la materia. E’ infatti sbagliato sostenere che l’Amministrazione Prade scientemente ha deciso di non restaurare le scuole Gabelli. Ma quando mai! Dovrebbe invece sapere, il consigliere Massaro, che tutte le persone di buon senso, io fra queste, sono per il restauro delle scuole Gabelli. Ovviamente il Sindaco Prade per primo. Dovrebbe però anche sapere, il consigliere Massaro, che per sistemarle ci vogliono circa 5 milioni di euro, che questi soldi oggi non ci sono e che la situazione economica attuale – che dovrebbe conoscere dalla lettura superficiale di qualsiasi quotidiano – non ci consente di essere ottimisti nel breve periodo. Dovrebbe inoltre sapere che la sua proposta di qualche tempo fa, bocciata in Consiglio Comunale, mirava ad impiegare per le Gabelli un corposo finanziamento che il Ministero delle Infrastrutture ha vincolato – ripeto: vincolato – per altre scuole della Città (vecchie scuole di Levego, elementari di Mussoi, materna Cairoli e palestra della Nievo). Come se tutto questo non bastasse, egli dimentica – o non sa, ma non cambia di molto – che la sua proposta, trattandosi di un intervento parziale, non consentirebbe ai ragazzi di rientrare alle Gabelli. Insomma, consigliere Massaro, abbassiamo il tono della propaganda. Tutti siamo per le Gabelli, e però responsabilità vuole che occorre reperire le risorse, ed è su questo che l’Amministrazione Prade sta lavorando. Senza dimenticare che un lavoro così imponente, quando potremo farlo, dovremo incardinarlo all’interno del patto di stabilità che piace così tanto al consigliere Massaro. E non sarà facile. Tiziana Martire Assessore al bilancio

 

Un commento

  1. Pingback: Jacopo Massaro » L’Assessore Martire, il Portavoce e il “mistero” delle Gabelli

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.